Cortile del Belvedere
The Cortile del Belvedere, the Belvedere Courtyard, designed by Donato Bramante from 1506 onward, was a major architectural work of the High Renaissance at the Vatican Palace in Rome; its concept and details reverberating in courtyard design, formalized piazzas and garden plans throughout Western Europe for centuries.[citation needed] Conceived as a single enclosed space, the long Belvedere court connected the Vatican Palace with the Villa Belvedere in a series of terraces connected by stairs, and was contained on its sides by narrow wings.
Bramante did not see the work completed, and before the end of the sixteenth century it had been irretrievably altered by a building across the court, dividing it into two separate courtyards.

This is an excerpt from the article Cortile del Belvedere from the Wikipedia free encyclopedia. A list of authors is available at Wikipedia.
The article Cortile del Belvedere at en.wikipedia.org was accessed 2,449 times in the last 30 days. (as of: 05/28/2014)
Images on Cortile del Belvedere
Preview image:
Original:
Search results from Google and Bing
1
>30
1
Cortile del Belvedere - Wikipedia, the free encyclopedia
The Cortile del Belvedere, the Belvedere Courtyard, designed by Donato Bramante from 1506 onwards, was a major architectural work of the High Renaissance ...
en.wikipedia.org/wiki/Cortile_del_Belvedere
2
>30
2
Cortile del Belvedere - Vatican Articles - Vatican.com
Jul 14, 2013 ... Cortile del Belvedere. The construction of Cortile del Belvedere was the initiative of Pope Julius II and Bramante who wanted to connect an ...
vatican.com/articles/info/cortile_del_belvedere-a4147
3
>30
3
Roman Renaissance gardens | GardenVisit.com, the garden ...
The Belvedere court was at that time for practical purposes greater than it is ..... fold of the valley between Monte Mario and Collina del Romitorio, extending from  ...
www.gardenvisit.com/history_theory/library_online_ebooks/ml_gothein_history_garden_art_design/roman_renaissance_gardens
4
>30
4
GIARDINO E CASINO PONTIFICIO DEL BELVEDERE
(left) Fontana del Cortile del Belvedere by Carlo Maderno; (centre/right) Fontana del ...
www.romeartlover.it/Vasi181.html
5
>30
5
Cortile del Belvedere (Belvedere courtyard), Vatican City, Rome ...
Jan 10, 2012 ... In the meantime, Sixtus V constructed a palace for the Library, which crossed the big courtyard and made two little ones: Cortile del Belvedere ...
rometour.org/cortile-del-belvedere-belvedere-courtyard.html
6
>30
6
File:Roma Vaticano Cortile del belvedere.JPG - Wikimedia Commons
Sep 16, 2013 ... Map of Museo Vaticano, detail: Cortile ottagono del Belvedere. Date, created 1905. Source, My own photography of my own book. Author ...
commons.wikimedia.org/wiki/File:Roma_Vaticano_Cortile_del_belvedere.JPG
7
>30
7
Panoramio - Photo of Cortile del Belvedere, Vatican
Jul 7, 2013 ... The Cortile del Belvedere, the Belvedere Courtyard, designed by Donato Bramante from 1506 onwards, was a major architectural work of the ...
www.panoramio.com/photo/92794245
8
>30
8
CORTILE DEL BELVEDERE - Travel Rome Vatican Guide
Cortile del Belvedere | Travel Rome Vatican Guide.
travelromevaticanguide.blogspot.com/2008/06/cortile-del-belvedere_23.html
9
>30
9
Cortile del Belvedere - Triposo
The Cortile del Belvedere, the Belvedere Courtyard, designed by Donato Bramante frоm 1506 onwards, wаs а major architectural wоrk оf the High Renaissance ...
www.triposo.com/poi/W__37747143
>30
1
10
Cortile del Belvedere by Donato Bramante…
The Cortile del Belvedere, the Belvedere courtyard, designed by Donato Bramante from 1506 onwards, was a major architectural work of the High Renaissance at the ...
www.worldofbuildings.com/bldg_profile.php?bldg_id=2205
Search results for "Cortile del Belvedere"
Google: approx. 436.000
Cortile del Belvedere in science
Browse All : Cortile del Belvedere (Vatican Palace, Vatican City ...
Browse All : Cortile del Belvedere (Vatican Palace, Vatican City). Printer Friendly. 1-6 of 6. Cortile Belvedere ... Title, Cortile Belvedere ... Cortile Belvedere.
Belvedere Courtyard at the Vatican in Rome - George Glazer Gallery
A bird's-eye view of the Cortile del Belvedere (Belvedere Courtyard) in the Vatican ... The University of Chicago holds the largest extant collection of Speculum, ...
How far is Cortile del Belvedere from Pontifical Gregorian University ...
Mar 31, 2011 ... How far is Donato Bramante's Cortile del Belvedere, the Courtyard of the Belvedere, designed from 1506 onwards, the major project of the High ...
The cortile del Belvedere. (Book, 1954) [WorldCat.org]
The Cortile del Belvedere. ... version of part of this book was accepted as a doctoral dissertation by the faculty of the Institute of Fine Arts of New York University.".
Dictionary of Art Historians - James Ackerman
Architectural historian and professor of Fine Arts, Harvard University, 1960-. ... New York University, 1952, published as, The Cortile del Belvedere, Biblioteca ...
Cortile del Belvedere; Bramante, Donato - MLibrary Digital Collections
Cortile del Belvedere; Bramante, Donato ... descriptions are openly available. People affiliated with the University of Michigan can log in to view them.
Drexel University - Architecture and Society II - Study Aid 7
Unlike his plan for St. Peter's, Bramante's Cortile del Belvedere (begun 1503, finished 1563) for Pope Julius II at the Vatican Palace was largely carried out.
Books on the term Cortile del Belvedere
High Renaissance Art in St. Peter's and the Vatican: An ...
High Renaissance Art in St. Peter's and the Vatican: An ...
George L. Hersey, 1993
Among other important structures is Fontana's Library, which bisects the Cortile del Belvedere (fig. 41). The Cortile del Belvedere The Cortile del Belvedere consists today chiefly of two immense courtyards set end- to-end and running north ...
DK Eyewitness Travel Guide: Rome
DK Eyewitness Travel Guide: Rome
Adele Evans, 2012
The holiday starts the moment you open the guidebook The Guardian --This text refers to an out of print or unavailable edition of this title.
Renovatio Urbis: Architecture, Urbanism and Ceremony in the ...
Renovatio Urbis: Architecture, Urbanism and Ceremony in the ...
Nicholas Temple, 2011
Remains of fresco representing a city set in a landscape (fifteenth century), North Loggia, Villa Belvedere 146 4.17 Plan reconstruction of Bramante's original scheme for new St Peter's Basilica and Cortile del Belvedere 147 4.18 View from the ...
The Penguin Dictionary of Architecture and Landscape Architecture: Fifth Edition (Dictionary, Penguin)
The Penguin Dictionary of Architecture and Landscape Architecture: Fifth Edition (Dictionary, Penguin)
John Fleming, 2000
This is a major revision and expansion of what has long been recognized as a basic reference in its field. Besides updating the existing text, the authors have broadened the book by including many new entries on landscape architecture as well as by significantly increasing their treatment of American architects and architecture. This is a highly re...
Disclosing Horizons: Architecture, Perspective and ...
Disclosing Horizons: Architecture, Perspective and ...
Nicholas Temple, 2013
Cortile del Belvedere is articulated as a hierarchical sequence of spaces where ritual participation between Pope, his court and the larger populace of the city is celebrated. Crucially, the nature and meaning of such participation was intimately  ...
A Chronology of Leonardo Da Vinci's Architectural Studies ...
A Chronology of Leonardo Da Vinci's Architectural Studies ...
Carlo Pedretti, Pope Leo X, 1962
In the second half of the sixteenth century the papacy was still encouraging such a development. u Leonardo's residence in the Vatican was in the Belvedere building. The Cortile del Belvedere was in itself one of the most important ...
A Dictionary of Architecture and Landscape Architecture (Oxford Paperback Reference)
A Dictionary of Architecture and Landscape Architecture (Oxford Paperback Reference)
James Stevens Curl, 2007
Containing over 6,000 entries from alto to ziggurat, this authoritative dictionary of architecture covers all periods of Western architectural history, from ancient times to the present day. Beautifully illustrated and written in a clear and concise style, it also includes brief biographies of leading architects, from Brunelleschi and Imhotep to Le...
Development of Google searches


Blog posts on the term
Cortile del Belvedere
1960 ca Musei Vaticani, Cortile del Belvedere, Laocoonte a | Flickr - Photo Sharing!
Gruppo del Laocoonte ruppo scultoreo del Laocoonte ed i suoi figli, noto anche semplicemente come Gruppo del Laocoonte, è una scultura in marmo (h 242 cm) degli scultori Agesandro, Atanodoro e Polidoro, databile al I secolo d.C. e conservato nel Museo Pio-Clementino dei Musei Vaticani, a Roma. Raffigura il famoso episodio narrato nell'Eneide che vede il troiano Laocoonte ed i suoi figli assaliti da serpenti marini. linio raccontava di aver visto una statua del Laocoonte nella casa dell'imperatore Tito, attribuendola a tre scultori provenienti da Rodi: Agesandro, Atanodoro e Polidoro. La tradizionale identificazione della statua dei Musei Vaticani con quella descritta da Plinio è ancora generalmente accettata, visto anche che la residenza privata di Tito si doveva trovare proprio sul colle Oppio, dove la statua venne poi ritrovata. Accettata è anche l'attribuzione ai tre artisti rodii, autori anche dei gruppi statuari con storie di Ulisse della grotta di Sperlonga. Varie date sono state proposte per questa statua, oscillanti tra metà del II secolo a.C. alla metà del I secolo d.C.; Bernard Andreae, in alcuni studi, ha ipotizzato che il Laocoonte sia una copia di un originale bronzeo ellenistico, come dimostrerebbero alcuni dati tecnici e stilistici. Sulla parte posteriore della statua si trova infatti del marmo lunense, non utilizzato prima della metà del I secolo a.C., inoltre alcuni dettagli rimandano inequivocabilmente alla fusione a cera persa: ad esempio il mantello che ricade sulla spalla del giovane a destra fino a toccargli il ginocchio deriva quasi certamente da un espediente tecnico necessario a costituire un passaggio per il metallo fuso. Si è ipotizzato che l'originale fosse stato creato a Pergamo, come suggeriscono alcuni confronti stilistici con opere della scuola locale: i pacifici rapporti tra la città dell'Asia minore e Roma erano infatti rafforzati dai miti legati a Troia, dai quali discendevano le leggende di fondazione di entrambe le città. Plinio comunque attesta la presenza a Roma della statua marmorea a metà del I secolo d.C. attribuendola a scultori attivi un secolo prima. Infatti alcune iscrizioni trovate a Lindos, sull'isola di Rodi fanno risalire la presenza a Roma di Agesandro e Atanodoro ad un periodo successivo al 42 a.C., ed in questo modo la data più probabile per la creazione del Laocoonte deve essere compresa tra il 40 ed il 20 a.C., per una ricca casa patrizia, o più probabilmente per una committenza imperiale (Augusto, Mecenate), anche se il Laocoonte sembra lontano dallo stile neoattico in auge nel periodo. Visto il luogo di ritrovamento è anche possibile che la statua sia appartenuta, per un periodo, a Nerone. Il ritrovamento La statua fu trovata il 14 gennaio del 1506 scavando in una vigna sul colle Oppio di proprietà di Felice de Fredis, nelle vicinanze della Domus Aurea di Nerone: l'epitaffio sulla tomba di Felice de Fredis in Santa Maria in Aracoeli ricorda l'avvenimento. Allo scavo, di grandezza stupefacente secondo le cronache dell'epoca, assisterono di persona, tra gli altri, lo scultore Michelangelo e l'architetto Giuliano da Sangallo inviato dal papa a valutare il ritrovamento, secondo la testimonianza di Francesco, giovane figlio di Giuliano, che, ormai anziano, ricorda l'episodio in una lettera del 1567. Secondo questa testimonianza fu proprio Giuliano da Sangallo ad identificare i frammenti ancora parzialmente sepolti con la scultura citata da Plinio. Esistono comunque testimonianze coeve che danno la stessa identificazione della scultura appena rinvenuta. La collocazione al Belvedere La statua fu acquistata subito dopo la scoperta dal papa Giulio II, che era un appassionato classicista, e fu sistemata, in posizione di rilievo, nel cortile ottagonale ("Cortile delle Statue") progettato da Bramante all'interno del complesso del Giardino del Belvedere proprio per accogliere la collezione papale di scultura antica. Tale allestimento è considerato l'atto fondativo dei Musei Vaticani. Da allora il Laocoonte, assieme all'Apollo del Belvedere, costituì il pezzo più importante della collezione, e fu oggetto dell'incessante successione di visite, anche notturne, da parte di curiosi, artisti e viaggiatori. Restauri ed integrazioni Quando il gruppo scultoreo fu scoperto, benché in buono stato di conservazione, presentava il padre ed il figlio minore entrambi privi del braccio destro. Dopo un primo ripristino, forse eseguito da Baccio Bandinelli (che ne eseguì una delle prime copie, intorno al 1520, oggi agli Uffizi, per Cosimo I de' Medici), del braccio del figlio minore e di alcune dita del figlio maggiore, artisti ed esperti discussero su come dovesse essere stata la parte mancante nella raffigurazione del sacerdote troiano. Nonostante alcuni indizi mostrassero che il braccio destro fosse, all'origine, piegato dietro la spalla di Laocoonte, prevalse l'opinione che ipotizzava il braccio esteso in fuori, in un gesto eroico e di forte dinamicità. L'integrazione fu eseguita, probabilmente in terracotta, da Montorsoli ed il restauro ebbe un successo duraturo tanto che Winckelmann, pur consapevole della diversa posizione originaria, si dichiarò favorevole al mantenimento del braccio teso. Intanto, tra il 1725 e il 1727, Agostino Cornacchini eseguì un restauro del gruppo scultoreo che versava in condizioni di degrado. Vennero sostituiti il braccio di terracotta del Laocoonte e quello in marmo del figlio, evidentemente rovinati con altri dall'identica posa. Influenza culturale La scoperta del Laocoonte ebbe enorme risonanza tra gli artisti e gli scultori ed influenzò significativamente l'arte rinascimentale italiana e nel secolo successivo la scultura barocca. Straordinaria fu infatti l'attenzione suscitata dalla statua, e se ne trova traccia nelle numerose lettere degli ambasciatori che la descrivono, nei disegni e nelle incisioni che subito dopo iniziarono a circolare per l'Europa. Il forte dinamismo e la plasticità eroica e tormentata del Laocoonte ispirò numerosi artisti, da Michelangelo a Tiziano, da El Greco ad Andrea del Sarto. Michelangelo ad esempio fu particolarmente impressionato dalla rilevante massa della statua e dal suo aspetto sensuale, in particolare nella rappresentazione delle figure maschili. Molti dei lavori di Michelangelo successivi alla scoperta, come il San Matteo, lo Schiavo ribelle e lo Schiavo morente, furono influenzati dal Laocoonte. Molti scultori si esercitarono sul gruppo scultoreo facendone calchi e copie anche a grandezza naturale. Il re di Francia insistette molto per avere la statua dal papa o almeno una sua copia. A tal fine, lo scultore fiorentino Baccio Bandinelli ricevette l'incarico dal cardinale Giulio de' Medici papa Clemente VII Medici, di farne una copia, oggi agli Uffizi. Il re di Francia, però, dovette accontendarsi di inviare, intorno al 1540, lo scultore Francesco Primaticcio a Roma per realizzare un calco al fine di ricavarne una copia in bronzo destinata a Fontainebleau. Un'altra copia si trova nel Gran Palazzo dei Cavalieri di Rodi a Rodi. Una copia in gesso, appartenuta al Mengs, si trova nell'Accademia di belle arti di Roma. Il fascino della scultura coinvolse per secoli artisti ed intellettuali come Gian Lorenzo Bernini, Orfeo Boselli, Winckelmann e Goethe, diventando il fulcro della riflessione settecentesca sulla scultura. La tragica mobilità di questa statua è uno dei temi del saggio Laokoön, di Lessing, uno dei primi classici di critica dell'arte. Vicende recenti La statua fu confiscata e portata a Parigi da Napoleone dopo la conquista dell'Italia del 1799. Fu sistemata nel posto d'onore nel Museo del Louvre dove divenne una delle fonti d'ispirazione del neoclassicismo in Francia. Dopo la caduta di Napoleone, fu riportata in Vaticano nel 1815, sotto la cura di Antonio Canova e nuovamente restaurata. Nel 1906 fu rinvenuto il braccio destro originario, piegato a gomito e mancante della mano, nella posizione quindi che era stata ipotizzata da Michelangelo. Un intervento di restauro, effettuato tra il 1957 ed il 1960, ha ripristinando l'aspetto originario riunendo il braccio ritrovato alla statua. Descrizione e stile Il gruppo statuario raffigura la fine di Laocoonte e dei suoi due figli Antifante e Timbreo mentre sono strangolati da serpenti marini, come narrano varie leggende, tra cui la più nota è quella contenuta nell'Eneide virgiliana[15], in cui è descritto l'episodio come la vendetta di Atena per il tentativo del sacerdote di Apollo di opporsi all'ingresso del cavallo di Troia nella città[16]. La sua posa è instabile perché nel tentativo di liberarsi dalla stretta dei serpenti Laocoonte richiama tutta la sua forza, manifestando con la più alta intensità drammatica la sua sofferenza fisica e spirituale. I suoi arti e il suo corpo assumono una posa pluridirezionale e in torsione, che si slancia nello spazio. L'espressione dolorosa del suo viso unita al contesto e la scena danno una resa psicologica caricata, quasi teatrale, come tipico delle opere del "barocco ellenistico". La resa del nudo mostra una consumata abilità, con l'enfatica torsione del busto che sottolinea lo sforzo e la tensione del protagonista. Il volto è tormentato da un'espressione pateticamente corrucciata. Il ritmo concitato si trasmette poi alle figure dei figli[4]. La statua è composta da più parti distinte, mentre Plinio, in effetti, descrisse una scultura ricavata da un unico blocco marmoreo (ex uno lapide). Tale circostanza ha creato sempre molti dubbi di identificazione ed attribuzione Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Foto d'anonimo 1960 ca; "Raccolta Foto de Alvariis;
www.flickr.com/photos/dealvariis/10210413106/
The Cortile del Belvedere in the Vatican Museum | Flickr - Photo Sharing!
This is the Belvedere Courtyard and the bronzed sculpture is called "Sphere Within Sphere" and it was created by Arnaldo Pomodoro.
www.flickr.com/photos/hazboy/9102016231/
Cortile del Belvedere (Belvedere Courtyard) | My Adventure Book
circumnavigating the globe researching sucessful and innovative ways to teach mathematics
circumnavigatingtheglobe2013.wordpress.com/2013/06/09/cortile-del-belvedere-belvedere-courtyard/
CORTILE DEL BELVEDERE - Travel Rome Vatican Guide
Cortile del Belvedere | Travel Rome Vatican Guide
travelromevaticanguide.blogspot.com/2008/06/cortile-del-belvedere_23.html
"Michelangelo: il segreto del campanile di San Martino": in Vaticano il libro di Enrico Venturini - Corriere di Puglia e Lucania
“Michelangelo: il segreto del campanile di San Martino”: in Vaticano il libro di Enrico Venturini C’è davvero la mano di Michelangelo Buonarroti dietro una delle più belle scale elicoidali di tutti i tempi? E quale altro straordinario segreto architettonico nasconde la torre campanaria del Duomo di Pietrasanta? Roma, – Al termine di un accuratissimo studio, durato sette anni e condotto in collaborazione con la facoltà di architettura dell’Università di Firenze, Enrico Venturini raccoglie in un prezioso volume un ponderoso corpus di dati e di materiali che permette di far luce su uno dei più interessanti e misteriosi casi della storia dell’architettura rinascimentale toscana. Il volume “Michelangelo.
www.baresinelmondo.it/index.php/2013/11/03/michelangelo-il-segreto-del-campanile-di-san-martino-in-vaticano-il-libro-di-enrico-venturini/
► Biblioteca Apostolica Vaticana | Tutt'Art@ | Pittura * Scultura * Poesia * Musica |
La Biblioteca Vaticana custodisce un ricchissimo patrimonio composto di circa 180.000 volumi manoscritti e d’archivio, 1.600.000 di libri stampati, più di 8.600 incunaboli, 300.000 tra monete e medaglie, 150.000 fra stampe, disegni e matrici, e oltre 150.000 fotografie.
www.tuttartpitturasculturapoesiamusica.com/2013/11/biblioteca-apostolica-vaticana.html
La mano di Michelangelo sul campanile di San Martino. A Pietrasanta c'è la più bella scala elicoidale di tutti i tempi. L'enigma in un libro di Enrico Venturi :: LoSchermo.it
PIETRASANTA (Lucca), 3 novembre - C'e' davvero la mano di Michelangelo Buonarroti…
www.loschermo.it/articoli/view/57824
L'Architettura del Quattrocento, Cinquecento e Seicento: Cortile del Belvedere (1504)
Il primo incarico ufficiale che gli viene dato da papa Giulio II è appunto la realizzazione del Cortile del Belvedere dove si nota chiaramente come Donato Bramante abbia completamente acquisito il linguaggio architettonico antico e come lo abbia saputo applicare, in questo caso, in maniera coerente rispetto a quella che era la tradizione del passato pur in certi casi declinando a modo suo quella che è la corretta esposizione del linguaggio rispetto classico. Essenzialmente il Cortile del Belvedere è uno spazio aperto stretto e lungo (300 X 100 m) che doveva collegare l'appartamento del Papa con una villa che si trovava più in alto rispetto al palazzo Vaticano che era la cosiddetta villa di Innocenzo VIII; il collegamento doveva avvenire secondo gli intenti di Donato Bramante, ma anche di Giulio II, attraverso la costruzione di edifici architettonici destinati all'attività di svago ma anche destinati all'attività culturale (infatti alcuni edifici nello stesso cortile dovevano contenere l'enorme mole di statue che i papi avevano collezionato durante gli anni), che nello stesso tempo doveva essere progettato come spazio verde (il livello più basso, che avrebbe occupato metà dell’area, doveva essere riservato ad ospitare tornei e spettacoli teatrali, i due livelli superiori invece dovevano fungere da aree verdi).
architetturaquattrocentocinquecento.blogspot.com/2012/07/cortile-del-belvedere-1504.html
Interesting facts: Cortile del Belvedere
in the Vatican's Cortile del Belvedere Bramante created the first monumental formal garden design of the Renaissance.
onlyamazingfacts.blogspot.com/2009/02/cortile-del-belvedere.html
El Cortile del Belvedere | Arte | Cuadros, esculturas, pinturas y autores
De entre todas las colecciones de antigüedades del siglo XVI, la que mayor fama adquirió fue la reunida por el Papa Julio II en el Cortile del Belvedere.
www.blogseitb.com/arte/2011/10/17/el-cortile-del-belvedere/
123