La Nobla Leyczon
La nobla leyczon (Occitan pronunciation: [la ˈnɔbːlɔ lejˈsu], La nòbla leiçon in modern Occitan, "The Noble Lesson") is an anonymous text written in Old Occitan. It is the founding document of the Waldensian creed. Its sixth line, ben ha mil & cent an complí entierament (already eleven hundred years have run their course [since Christ died]), places it in the early 12th century but modern scholars now date it between 1190 and 1240. However, the very same line varies according to which of the four manuscripts is studied: the Geneva and Dublin ones say mil e cen (1100) while the Cambridge ones both state mil e cccc cent (1400). Further discrepancies include various anachronisms and the fact that Old Occitan was not spoken in the Lyon region. The manuscript was found in the Piedmontese valleys.
The 479 lines of the poem can be divided into seven parts according to the themes treated [4]: 1-56 deal with the end of the world; 57-229 retrace the history of the Bible; 230-265 tell of the new law; 266-333 narrate Jesus's life and works; 334-360 praise the faithful Christian Church; 361-413 relate the persecutions and the corrupted lives of papists and 414-479 explain what true repentance is.

This is an excerpt from the article La Nobla Leyczon from the Wikipedia free encyclopedia. A list of authors is available at Wikipedia.
The article La Nobla Leyczon at en.wikipedia.org was accessed 156 times in the last 30 days. (as of: 05/05/2014)
Images on La Nobla Leyczon
Preview image:
Original:
Search results from Google and Bing
1
>30
1
La nobla leyczon - Wikipedia, the free encyclopedia
La Nobla Leyczon is an anonymous text written in Old Occitan. It is the founding document of the Waldensian creed. Its sixth line, ben ha mil & cent an complí ...
en.wikipedia.org/wiki/La_nobla_leyczon
2
>30
2
From the Archives: La Nobla Leyczon (The Noble Lesson ...
Apr 1, 1989... Home > Issue 22 > From the Archives: La Nobla Leyczon (The Noble Lesson). From the Archives: La Nobla Leyczon (The Noble Lesson).
www.christianitytoday.com/ch/1989/issue22/2234.html
3
>30
3
La nobla leyczon | Facebook
La Nobla Leyczon. 1 likes · 0 talking about this. La Nobla Leyczon is an anonymous text written in Old Occitan. It is the founding document of the Waldensian creed ...
www.facebook.com/pages/La-nobla-leyczon/153441014667503
4
>30
4
La nobla leyczon (Meaning of) - Encyclo
La Nobla Leyczon (oc, La nòbla leiçon in modern Occitan, "The Noble Lesson") is an anonymous text written in Old Occitan. It is the founding document of the ...
www.encyclo.co.uk/define/La%20nobla%20leyczon
5
>30
5
La nobla leyczon - Wikidata
Mar 7, 2013 ... La Nobla Leyczon [edit]. No description defined yet [edit] ... English, enwiki, La Nobla Leyczon, [edit]. occitan, ocwiki, Nòbla leiçon, [edit] ...
www.wikidata.org/wiki/Q6466287
6
>30
6
La nobla leyczon
'''''La Nobla Leyczon''''' (, ''La nòbla leiçon'' in modern Occitan+, "The Noble Lesson ") is an anonymous text written in Old Occitan+. It is the founding document of ...
shelf3d.com/i/La%20nobla%20leyczon
7
>30
7
La Nobla Leyczon (The Noble Lesson - Search
Web. Images. Video. News. More Languages ▽. English. עברית.
feed.snapdo.com/?publisher=Minutes&dpid=network2&q=La_nobla_leyczon
>30
1
8
Waldensians - Wikipedia, the free…
Waldensians, Waldenses, Vallenses or Vaudois are names for a Christian movement which started in Lyon, France, in the late 1170s. The movement was started partly in ...
en.wikipedia.org/wiki/Waldenses
>30
2
9
Occitan language - Wikipedia, the free…
Occitan, known also as Lenga d'òc by its native speakers ] ; French: Langue d'oc), is a Romance language spoken in southern France, Italy's Occitan Valleys, Monaco ...
en.wikipedia.org/wiki/Occitan
>30
3
10
Full text of "A reader's guide to the…
Full text of "A reader's guide to the choice of the best available books (about 50,000) in every department of science, art & literature, with the dates of the first ...
www02.us.archive.org/stream/cu31924024836342/cu31924024836342_djvu.txt
Search results for "La Nobla Leyczon"
Google: approx. 3.850
bing: approx. 4
La Nobla Leyczon in science
Catalog Record: La nobla leyczon | Hathi Trust Digital Library
Catalog Record: La Nobla Leyczon | Hathi Trust Digital Library ... Published: (1869 ); La circulation de la vie : lettres sur la physiologie en response aux lettres sur ...
La Nobla Leyczon - Cornell University Library Catalog
Format: Book; Language: German; Published: Berlin, 1845. Description: [2], 45 p. ; 8vo. Other author/creator: Mätzner, Eduard Adolf Ferdinand, 1805-1892, tr.
LA NOBLA LEYCZON: STUDIO INTORNO AD UN ANTICO POEMA ...
Duke University Libraries. Web Site Search ... La Nobla Leyczon: STUDIO INTORNO AD UN ANTICO POEMA VALDESE. Please note: This item has not ...
La nobla leyczon - Wikipedia, the free encyclopedia
La Nobla Leyczon is an anonymous text written in Old Occitan. It is the founding document of the Waldensian creed. Its sixth line, ben ha mil & cent an complí ...
Books on the term La Nobla Leyczon
The Books of the Vaudois: The Waldensian Manuscripts ...
The Books of the Vaudois: The Waldensian Manuscripts ...
James Henthorn Todd, 1865
26, 60, 61, 215, n. Meczonia, 26, 206. Mesquins, 40, 44, 58. Mettra censche, 217. Motas cosas son que deorian moure lome ala diligent garda de la leuga, 26. Nobla Leyczon, inc. O Frayres entenda una nobla leyczon, 44, 215, 217, 219.
The Iliad
The Iliad
Homer and Ian Johnston, 2006
This translation provides an accurate text of the Iliad in a modern English poetic form. It has been designed, first and foremost, for people who are reading Homer's Iliad for the first time. The book is accompanied by a complete glossary, maps and other study aids intended to help ensure that one's initial venture into the world of the I...
The Iliad (Oklahoma Series in Classical Culture)
The Iliad (Oklahoma Series in Classical Culture)
Homer and Herbert Jordan, 2008
Jordan's line-for-line translation brilliantly renders the original Greek into English blank verse - the poetic form most closely resembling our spoken language. In addition, Jordan employs a pleasing five-beat meter and avoids unnecessary filler.
Introduction to the Literature of Europe in the 15th, 16th, ...
Introduction to the Literature of Europe in the 15th, 16th, ...
Henry Hallam, 1837
La Nobla Leyczon is published at length by Raynouard. It consists of 479 lines, which seem to be rhythmical or aberrant Alexandrines ; the rhymes uncertain in number, chiefly masculine. The poem censures the corruptions of the church , but  ...
Horae Apocalypticae: Or a Commentary on the Apoc., Including ...
Horae Apocalypticae: Or a Commentary on the Apoc., Including ...
Edward Bishop Elliott, 1847
La Nobla Leyczon. TEXT FROM THE GENEVAN M.S., AS IT IS PRINTED IN RAYNOUARD's CHOIX DES POESIES DES TROUBADOURS, VOL. Ii. pp. 73 103. 1 O frayres, entende una nobla leyczon : Sovent deven velhar e istar en oreson ...
Development of Google searches


Blog posts on the term
La Nobla Leyczon
SIGILLUM MILITUM CHRISTI: Aycí comencza la Nobla Leyczon
O frayre, entendé ma nobla leyczon:Sovent devén velhar e istar en oracion,Car nos veén aquest mont esser pres del chavon;Mot curiós deoriàn ésser de bonas obras far,Car nos veén aquest mont de la fin apropiar. Ben ha mil & cent ancz complí entierament,Que fo scripta l'ora, car sen al derier temp.
sigillum-militum-christi2.blogspot.com/2012/02/blog-post_26.html
paineblog: 7.30.2012 VAUDOIS (WALDENSES) I - EARLY HISTORY
taken from 'history of the waldenses', vol. 1,by alexis muston, 1875.
spaineblog.blogspot.com/2012/07/7302012-vaudois-waldenses-i.html
CATHARS boni homines bonnes hommes bonnes femmes good Christians: Waldensians, many similarities to Cathars; still exist today in evangelical, organized church form.
Waldensians From Wikipedia, the free encyclopedia Jump to: navigation, search Waldensian Evangelical Church Founders: Peter Waldo Founding date: about 1177; in 1532 acceded to Franco-Swiss Protestant Reform Headquarters: Torre Pellice, Piemonte, Italy Countries: Primarily Italy, France, Germany and South America. Website: http://www.
cathar7.blogspot.com/2008/11/waldensians-many-similarities-to.html
CHRISTIPEDIA™ - Waldenses 17th Century Onward, CHRISTIAN MARTYRS, CHAMPIONS
CHRISTIPEDIA™ - Waldenses 17th Century Onward, CHRISTIAN MARTYRS, CHAMPIONS
www.ministers-best-friend.com/CHRISTIPEDIA-tm--Waldenses-17th-Century-Christian-Reformers-Martyrs-Champions.html
Marcel Pagnol - Le blog de batterys.over-blog.com
Marcel Pagnol To his father's amazement, Pagnol learned to read at a young age.[citation needed]His mother, however, did not allow him to touch a book until he was six"for fear of cerebral explosion".… Hébergé par OverBlog
batterys.over-blog.com/article-marcel-pagnol-109753976.html
BOGOMILS OF BULGARIA AND BOSNIA BY L. P. BROCKETT, M. D., | A Baptist Voice/O Voce Baptista in Oltenia
BOGOMILS OF BULGARIA AND BOSNIA; ************ The Early Protestants of the East. AN ATTEMPT TO RESTORE SOME LOST LEAVES OF PROTESTANT HISTORY. BY L. P. BROCKETT, M. D., Author of "The Cross And The Crescent," " History Of Religious Denominations," etc. _________________ PHILADELPHIA: AMERICAN BAPTIST PUBLICATION SOCIETY, 1420 CHESTNUT STREET. Entered to Act of Congress,…
ovocebaptistainoltenia.wordpress.com/2010/08/14/bogomils-of-bulgaria-and-bosnia-by-l-p-brockett-m-d/
Sara Stocco | Giandomenico Mazzocato
Università Ca’ Foscari di Venezia Facoltà di lettere e filosofia Corso di laurea in Lettere Tesi di laurea I ROMANZI DI GIAN DOMENICO MAZZOCATO Relatore: Prof.ssa Ricciarda Ricorda Laureanda: Sara Stocco Matricola n. 763214 Email: sara.stocco@vizzavi.it Anno Accademico 2001-2002 INDICE 2 Capitolo I Profilo biografico 10 Capitolo II Il delitto della contessa Onigo 25 Capitolo III Il bosco veneziano 38 Capitolo IV Gli ospiti notturni 46 Conclusioni 50 Intervista a Gian Domenico Mazzocato 87 Bibliografia Capitolo I Profilo biografico Gian Domenico Mazzocato poeta, scrittore e giornalista, è nato a Treviso nel 1946 ed a Treviso ha scelto di continuare ad abitare Sono nato a pochi passi da Piazza dei Signori (sopra l’osteria “I Due Mori” e ricordo, come colonna sonora della mia fanciullezza, le sguaiate ma affascinanti canzoni di taverna, le prove della banda cittadina e, al mattino, le urla degli ortolani al mercato della frutta). Continuo a risiedere a Treviso, anche se ora abito in faccia al Montello, la collina che così spesso ritorna nella mia narrazione.[1] Nel 1970 si è laureato a Padova in lettere classiche con Giorgio Bernardi Perini discutendo una tesi sull’Hagiomachia di Teofilo Folengo. Inizia ad insegnare molto presto: Credo che le prime supplenze siano addirittura del 1967. […] Ragazzino di diciotto anni ho insegnato in una scuola serale. Ho lavorato insegnando a persone che avevano il doppio e anche il triplo dei miei anni, usando libri disparati e scartati da altri: un’esperienza che mi ha insegnato moltissimo e segnato indelebilmente come educatore.[2] Attualmente insegna in un liceo della sua città. Parallelamente, fin dal 1967, ha svolto attività di giornalista; dopo aver collaborato con diverse testate, lavora oggi come giornalista pubblicista presso «Il Gazzettino»: Quando mi fu offerta l’occasione di lavorare stabilmente presso un giornale (circa venti anni fa), non lo feci. La proposta riguardava la «Gazzetta dello Sport» e il «Corriere della Sera»: fui tentato, ma avrei dovuto trasferirmi a Milano. Professionalmente sarebbe stato un gran salto, di prestigio, ma il mio cronoluogo, il mio hic et nunc è a Treviso. Non riuscirei ad immaginarmi distante da questa città e non riesco a pensare la mia scrittura lontano da qui.[3] Nel corso degli anni il giornalismo per Mazzocato non si è configurato semplicemente come un secondo mestiere, ma come un aspetto del suo essere scrittore. Dal lavoro di giornalista ha saputo cogliere i vantaggi e acquisire gli strumenti utili all’elaborazione e all’individualizzazione del proprio stile narrativo: “Reperire materiali e documentazione, saper stare sulla notizia e saper cogliere ciò che avvince il lettore, selezionare con rigore il buono dal meno buono: sono tutte cose che si apprendono sui tavoli delle redazioni”.[4] Lo scrittore sostiene di essere stato influenzato dal giornalismo anche dal punto di vista linguistico e culturale: scrivere è un’arte in togliere, mai in aggiungere. Assomiglia al lavoro dello scultore che tira fuori la statua dal blocco di marmo che la contiene, mai a quello del pittore che aggiunge pennellata a pennellata. Bisogna saper scavare, ridurre all’essenziale, liberando la lingua dalle pesantezze e restituendole la sua nudità aurorale. Io tormento la mia prosa, asciugandola e prosciugandola in continuazione. Quella che sembra essere una grande semplicità di scrittura è il frutto di una elaborazione perenne. Il lavoro di giornalista mi è servito anche ad acquisire una sensibilità tattile e fisica nei confronti del mondo veneto e della sua cultura: nei personaggi dei miei romanzi e dei miei racconti fluisce e scorre in continuazione una ricchezza di vita che ho acquisito ascoltando gli altri.[5] Nel 1976 pubblica la sua prima raccolta di liriche Il fuoco vecchio,[6] seguita nel 1980 da Straniarsi è qui[7] e nel 1981 da Diapason con variazioni.[8] Nella collana Discorso Diretto ha pubblicato il poemetto Immagini del regno.[9] Altre sillogi minori e liriche sciolte sono apparse in alcune antologie. Scrivevo poesie alla ricerca di un linguaggio, alla ricerca di un modulo narrativo. La mia è sempre una poesia che racconta, che ha una storia dentro, che isola delle immagini, che cerca gli archetipi da cui discendono i comportamenti quotidiani. È anche dunque una delineazione di categorie esistenziali e di moduli di comportamento.[10] Mazzocato è sempre stato un appassionato giocatore e sostenitore di rugby, tanto da scrivere tre libri su questa disciplina sportiva: dalla mia passione per il rugby sono usciti tre libri. Quello in cui mi riconosco di più è stato scritto circa una decina di anni fa. Si intitola Treviso, la prima volta,[11] in cui ho raccontato di una squadra squattrinata […] soprattutto ho raccontato una città ancora dolorante per le ferite della guerra e per i bombardamenti subiti, una città che anche attraverso uno sport fatto di fatica e di umiltà, cercava di alzare la testa.[12] Lo scrittore recentemente ha curato per la Newton Compton la traduzione delle Storie[13] di Tacito e la trilogia delle opere minori dello stesso autore cioè Agricola, Germania, Dialogo degli oratori.[14] Per la stessa casa editrice è uscita nel 1997 Storia di Roma dalla fondazione,[15] la traduzione in sei volumi dell’opera storiografica di Tito Livio di cui Mazzocato ha curato note, introduzioni e indici analitici: Ho avvertito un grande maestro di scrittura soprattutto in Tito Livio, un veneto, un padovano al quale i contemporanei, pur ammirandone la grandezza di scrittore, rimproveravano quello che io avverto come il suo maggior pregio stilistico, la patina di dialettalità, la patavinitas. In Livio sento una presenza forte sul territorio di confine, là dove due lingue si parlano e si alimentano l’una dell’altra (ma anche si fanno la guardia a vicenda), un aiuto poderoso ad usare una lingua asciutta e scabra. Ed anche a saper entrare col passo e col respiro giusto in una storia.[16] Non solo Tito Livio assume rilevanza per la formazione di Mazzocato narratore. Altri autori arricchiscono la sua personalità espressiva: [i classici come] Omero ed Esiodo. E poi la grande lirica greca: Archiloco, Saffo e Alceo mi hanno profondamente segnato. Inoltre i grandi scrittori di teatro: più che Plauto, Terenzio, un autore modernissimo capace di raccontare sofferenze, salti generazionali, diversità ideologiche. [Tra i moderni invece] amavo già da bambino Pinocchio, con il suo mondo di simboli e metafore, e odiavo il libro Cuore. L’ho sempre odiato, trovo che sia falso, improponibile e antieducativo. Penso che la chiamata a scrivere sia nata già allora in me, con la lettura di Salgari e Verne (il primo molto più del secondo). Questa figura dello scrittore che costruisce il mondo reale (perché è questo che fa Salgari) nel chiuso e nella dimensione irreale di una biblioteca mi ha sempre affascinato; coincide anzi con la mia idea di scrittura. È lo scrittore che ricrea il mondo, lo riplasma con la sua capacità di affabulazione e di raccontare, sovvertire, costringere a ritorni infiniti la quarta dimensione, cioè la dimensione temporale.[17] Tra gli scrittori contemporanei particolarmente importanti per Mazzocato ricordiamo Federico Tozzi “da cui sono molto lontano come tipo di scrittura ma possiede una nostalgia di fondo, un umanesimo sconsolato e però teso al bello, che lo rende vicinissimo a me”; Pier Paolo Pasolini dalla cui raccolta Trasumanar e organizzar l’autore sostiene di aver acquisito “la dimensione della socialità dello scrivere, del ruolo dello scrittore e della posizione dialettica che deve assumere rispetto al milieu culturale in cui vive”, ed infine Carlo Sgorlon del quale, il romanzo Gli dei torneranno, per Mazzocato è stato forse il libro più alto. Qui Sgorlon è aedo, è rapsodo ed è talora di una grandezza che lo assimila ad Omero, nella misura in cui si fa raccoglitore degli umori della sua razza furlana, delle sue storie, del senso profondo che queste hanno come punto di riferimento e contraddistinguono l’appartenenza ad un popolo fiero e antico.[18] L’esordio di Mazzocato come narratore avviene nel 1992, anno in cui il suo racconto lungo La Merica,[19] vince il premio nazionale di narrativa per l’inedito “Città di Monfalcone”. In quest’occasione fu Bruno Maier a premiare Mazzocato e ad esprimere nei confronti del suo stile un giudizio determinante per la futura scelta di diventare scrittore. Pertanto il premio vinto con La Merica[20] assume importanza al di là del suo valore intrinseco, segnando una nuova fase della sua carriera: Maier quel giorno mi trasse in disparte e disse “Dentro di lei c’è uno scrittore vero”… Poi aggiunse: “Questi che ha attorno sono dei buoni dilettanti ma lei è uno scrittore vero, ha talento, si coltivi”. Il suo giudizio è stato decisivo, mi ha aiutato a capire quale fosse la mia strada.[21] Tuttavia il passaggio al genere narrativo non è stato immediato e solo dopo una pausa di riflessione, nel corso della quale Mazzocato ha scelto che priorità dare ai suoi impegni, è iniziata la stesura de Il delitto della contessa Onigo,[22] opera concepita in seguito ad un lungo travaglio creativo: Il delitto della contessa Onigo[23] ha origini lontane, una storia che avevo dentro dai tempi in cui, per tutt’altro tipo di studi, compivo ricerche presso alcuni archivi parrocchiali. Mi sono imbattuto in questa vicenda che ho trovato drammatica e grande, emblematica di un popolo e di un’epoca. Negli anni successivi, senza che io ne avessi chiara coscienza, Pietro e Teodolinda, i due protagonisti della storia, hanno continuato a muoversi nella mia anima, a chiedere con insistenza di essere raccontati. Mi è successo (ma mi accade sempre, per ogni personaggio) quello che è accaduto ai sei personaggi pirandelliani.[24] La prima edizione del romanzo è avvenuta nel novembre 1997 ma lo scrittore ha iniziato la stesura nei primi anni novanta, quando già aveva acquisito degli strumenti di lavoro e d’indagine in ambito giornalistico. Soprattutto per questa prima opera Mazzocato ha riconosciuto l’importanza di un altro scrittore appartenente alla tradizione letteraria triestina, cioè Fulvio Tomizza: Un altro scrittore molto importante per me è stato Fulvio Tomizza, per quanto molto più intimista di me ed espressione di un ambiente molto diverso dal mio. Tomizza dopo aver letto Il delitto della contessa Onigo[25] mi ha scritto una lunga lettera in cui mi indica come uno dei suoi epigoni. Di me ha scritto: “La narrativa di Mazzocato dà la sensazione di essere dentro i grandi romanzi siciliani. Al tempo stesso il mondo veneto ne risulta portato al massimo di estensione e di completezza”.[26] L’opera ha conosciuto uno straordinario successo di critica e di pubblico, tanto da giungere in pochi mesi alla quarta edizione. Nel dicembre 1998 lo scrittore ne ha ottenuto ulteriore conferma ricevendo il premio letterario “Gambrinus Mazzotti – Finestra sulle Venezie”. Il suo secondo romanzo, Il bosco veneziano,[27] viene pubblicato nell’ottobre del 1999: “l’ho scritto in pochissimi giorni e già avendo in mente ben delineate la storia delle tre generazioni, addirittura i nomi dei personaggi”.[28] Mazzocato in questo libro approfondisce la sua indagine del mondo veneto, (pur mantenendo le tematiche di fondo che hanno caratterizzato Il delitto della contessa Onigo),[29] facendosi “il grande cantore dell’epopea dei pisnenti (parola veneta che significa nullatenenti, gli ultimi dei contadini, i più miserabili e disperati)”.[30] Ne Il bosco veneziano in particolare si concretizza l’affermazione dello scrittore, il quale afferma di usare nella sua “scrittura, simboli eterni ed inesauribili, perennemente fertili: l’acqua, il fiume, il bosco”.[31] Uno dei temi centrali del romanzo è quello della patria perduta: il Montello vuole e cerca di essere metafora universale delle patrie perdute. Ti ricordo che ho raccontato la vicenda dei Barro nei giorni fervidi e coinvolgenti delle patrie perdute nei Balcani: io parlavo del Montello e pensavo al Kosovo o all’Albania, allo sradicamento di questi popoli. E ne Il bosco veneziano,[32] le patrie perdute sono tante: oltre al Montello, la Sicilia del cacciatore di Bugres, il Cadore di Sereno Rudatis, lo stesso mato[33], di cui vengono espropriati gli Indios. Sia Il delitto della contessa Onigo[34] che Il bosco veneziano[35] sono stati inclusi nel catalogo del Centro Internazionale del Libro Parlato, che cura la registrazione di libri per i non vedenti di lingua italiana di tutto il mondo: “questi due enti, indipendentemente l’uno dall’altro, hanno registrato tutti i miei libri. Questo tipo di risposta mi fornisce un riscontro che equivale al piacere di un premio letterario”.[36] Nel corso del 2000 sono stati pubblicati La Merica,[37] il racconto lungo che ha segnato l’esordio di Mazzocato come narratore, e una silloge di sei racconti intitolati Crepuscoli, posti ad apertura di Alte Terre,[38] il libro fotografico di Antonio Piovesan che percorre un ideale viaggio tra i territori delle Prealpi nel trevigiano. Crepuscoli nella sua traduzione e edizione inglese è stato definito da Giorgio Lago, editorialista di «Repubblica», “il più prestigioso biglietto da visita della cultura trevigiana e veneta nel mondo”. Il 2000 è pure l’anno in cui Mazzocato si è dedicato al teatro traendo dal suo primo romanzo una piece teatrale in dialetto trevigiano, intitolata Il delitto della contessa.[39] Si tratta di un atto unico portato in scena dalla compagnia “Il Satiro Teatro” per la regia di Elenora Fuser. [lo scrivere] per il teatro è perennemente in fieri, non c’è recita che non apra nuovi orizzonti, che non chiami sottolineature, che non esiga adattamenti. Fondamentale per me, è oggi il rapporto con Gigi Mardegan, l’attore che ha portato sulle scene i miei due lavori per il teatro. [40] Per la sua terza opera narrativa edita nell’ottobre 2001, intitolata significativamente Gli ospiti notturni,[41] Mazzocato ha scelto il racconto come genere narrativo. Il titolo della silloge “ha una forza evocatrice, un suo orfismo che non sfuma in lirismo gratuito, ma rimanda alle memorie terragne e ancestrali del mio raccontare”.[42] Con l’inizio del 2002 la compagnia trevigiana “Il Satiro Teatro” per la regia di Roberto Cuppone, ha cominciato la tournée che porta in scena la seconda opera teatrale di Gian Domenico Mazzocato. Mato de guera[43] è il titolo di questo monologo drammatico nato dalla creatività dello scrittore e da un’idea di Marzio Favero (Assessore provinciale alla cultura di Treviso), che ha commissionato l’opera perché “non riesce a liberarsi dal piglio di restituire ai trevigiani una parte della loro memoria storica che si sta affievolendo”.[44] Mato de guera[45] è un’indicazione di quello che il teatro “può” essere, quando si verifica una ottimale congiuntura tra volontà politica, capacità letteraria, bravura artistica e teatrale, su un tema fortemente legato alla storia della società cui è diretto, in una lingua (io non parlo mai di dialetti) che è parte essenziale di quel patrimonio culturale. Credo che la storia narrata nel Mato de guera possa produrre dovunque gli stessi effetti e creare gli stessi echi. Anche se è vero che per essere universali occorre avere profonde radici in qualcosa di ben concreto e tangibile. Si è universali quando si è molto “qualcosa”: altrimenti si è astratti ed astrali. E il “Mato” è universalmente vero perché è profondamente radicato in quel fazzoletto di terra.[46] Come per la sua prima riduzione teatrale, Mazzocato ha scelto di narrare in dialetto trevigiano la storia del soldato – contadino di Possagno (divenuto “mato de guera” dopo aver combattuto nel primo conflitto mondiale). Uso il dialetto per dare forza e rigore al mio dire. Quando scrivo, penso in italiano quello che scrivo, ma certe cose mi vengono in mente solo in dialetto.. Certe cose si possono dire solo in dialetto e certe emozioni (ad esempio il “simiton” di Bianchet ne Il delitto della contessa Onigo)[47] sarebbero innaturali e fuori registro se dette in altra lingua. Io parlerei di una commistione di due lingue ognuna delle quali sorveglia l’altra, più che d’intrusione del dialetto nell’italiano.[48] Capitolo II I romanzi: Il delitto della contessa Onigo L’arco della produzione di Mazzocato si estende dal 1976 al 2001. Comprende opere poetiche, narrative e teatrali nonché alcuni volumi di costume sportivo, monografie sull’opera di artisti contemporanei e articoli per vari quotidiani inerenti molteplici tematiche culturali. In questa sede verranno analizzate le tre opere narrative pubblicate tra il 1997 e 2001 cioè Il delitto della contessa Onigo,[49] Il bosco veneziano[50] e Gli ospiti notturni.[51] Il primo romanzo di Mazzocato, la cui pubblicazione risale al novembre 1997, riporta alla luce la reale vicenda di “Zenobia Teodolinda Onigo, nata illegittima e morta nobile, e del suo assassino Pietro Bianchet”,[52] fermando così sulla carta “una memoria che vive anche di una sua oralità, di una trasmissione favolistica e quasi epica”.[53] Il romanzo si dipana di capitolo in capitolo, ricostruendo nei dettagli non solo il mero fatto di cronaca ma l’ambiente, la cultura e la psicologia dei personaggi, protagonisti e non, che ruotano attorno all’omicidio che l’11 marzo 1903 pone drammaticamente fine all’esistenza della contessa. Linda, così viene chiamata la vittima nel corso del romanzo, è figlia illegittima del conte Guglielmo Onigo, un patriota, un riformatore, che per le sue idee liberali ha costretto tutta la famiglia ad un lungo e sofferto esilio nelle zone in cui si è sviluppata la loro religione, ovvero le valli valdesi. Linda porterà per sempre con sé la memoria delle privazioni sopportate durante questo tempo trascorso forzatamente lontana da Pederobba, sua patria adottiva. “Che rabbia, che furore impotente aveva accumulato Linda! Si era nutrita di rancore e di voglia di rivincita”,[54] decidendo, proprio nel periodo dell’esilio torinese, che il denaro e l’accumulo per lei sarebbero stati i valori cui improntare la propria esistenza; oltre a questo si fissa tenacemente in lei il proposito di non confidare mai in nessuno e di dover trarre sempre e comunque un guadagno da tutto. Il conte riconoscendola come figlia, l’ha riscattata da un destino di privazioni e miserie e le ha lasciato un patrimonio che in futuro le avrebbe permesso di condurre una vita serena ed agiata, ma nulla ha potuto contro il groviglio di sentimenti ostili, che lentamente crescono e si consolidano in lei robusti come una armatura posta a difesa della propria anima. La contessa infatti “non si riconosceva […], non si apparteneva […], era il suo stesso sangue che le si negava perché vi sentiva dentro una storia che non era sua”.[55] Inoltre la sua condizione di figlia illegittima le è sempre pesata come una colpa incancellabile ed è proprio il padre che acuisce involontariamente questa convinzione quando, ancora bambina, per farle sentire l’orgoglio di appartenere alla religione valdese, le legge i versi di un antico poema valdese La Nobla Leyczon. Linda ne resta colpita, avvertendo che in questo mondo “l’eternità dell’anima imbocca subito la via della salvezza o della perdizione eterna. Non esiste purgatorio”:[56] per il peccatore quindi non c’è possibilità di salvezza. Così nella sua infanzia, alle vicende misteriose sui valdesi narrategli dal padre, Linda accosta le favole innocenti che già conosce ma, anche “nelle favole che giravano come aquiloni scuri e tempestosi nella [sua] mente […], non vi era spazio per il miracolo per il tesoro ritrovato, per la fata che risolveva ogni cosa col suo sorriso o con il suo scettro sottile”.[57] L’esperienza lacerante dell’esilio, con i disagi e la fame sofferti e la lettura delLa Nobla Leyczon, si fissano indelebilmente nella sua indole in formazione risultando determinanti nell’orientarla verso un’esistenza infelice e un destino tragico: Linda infatti è convinta che gravi un verdetto su di sé, sulle sue origini oscure, su un peccato originale che nessuna acqua lustrale poteva lavare via. Il peccato di sua madre che l’aveva concepita da chissà quale sangue impuro era una condanna che non ammetteva fuga o redenzione. Si faceva strada in lei la consapevolezza di una diversità assoluta. Da quella scoperta Linda sarebbe stata fortemente segnata, in un indurimento di sé e dei rapporti con gli altri. Avrebbe esorcizzato la morte semplicemente ignorandola. E avrebbe fatto scontare agli altri il male inestirpabile che era in lei.[58] Non possedendo la tempra feroce degli Onigo, di cui solo per un gioco del destino è l’ultima discendente, Linda nel momento in cui entra in possesso dell’eredità, cerca comunque di interpretare il ruolo dei predecessori, tuttavia non vi riesce poiché aveva saputo interpretare la sua parte di dominatrice sul versante più miserabile e mortificante. Non si può essere dominatori quando non si fa altro che prosciugare le risorse altrui. Linda era solo padrona, non era dominatrice.[59] Basando il suo potere su tre principi “imperio […], profitto […], abuso […]”,[60] la contessa avida e ansiosa di cieca vendetta si è creata una cattiva nomea tra tutti, ma soprattutto tra i suoi fittavoli che sfrutta privandoli dei più elementari diritti tra cui quello di avere di che sfamare sé e la propria famiglia. È lei stessa pertanto che alimenta una tensione generale tra i contadini che covano nei suoi confronti un odio latente; del resto sembra che la contessa abbia condotto la propria esistenza in attesa del “carnefice che infliggesse al suo corpo la diaspora definitiva”.[61] Così, quando con due colpi di mannaia che le mozzano il capo, Linda viene uccisa mentre passeggia nel giardino del suo palazzo trevigiano in riva al Sile, la notizia desta clamore ma non stupore. Con lei si conclude la dinastia degli Onigo, casata dalla storia millenaria, e a vibrare i due colpi mortali è proprio la mano di uno dei suoi fittavoli. Riesaminando il tutto col senno di poi, non sembra più una semplice coincidenza il fatto che la contessa abbia scelto proprio Trevignano come sua patria. Infatti nell’infanzia Linda ha appreso dal padre come nel 1312 Rizzardo da Camino, il prepotente signore di Treviso, sia stato decapitato con una roncola da un contadino proveniente da Trevignano: probabilmente per tale racconto questo luogo inizia ad avere ai suoi occhi “la profondità oscura di un male antico e il torbido di una profezia tenebrosa”.[62] Infatti come colui che ha dato la morte a Rizzardo da Camino, pure Bianchet, l’assassino della contessa, proviene da Trevignano un paese vicino a Treviso, in cui Linda possiede non solo le terre ma anche le anime dei suoi fittavoli in quanto essi le devono metà di tutto ciò che possiedono: questo per i contadini equivale a pretendere “metà della vita, metà del sangue, metà dei pensieri, metà del fiato”,[63] equivale a impossibilità di affrancamento da una condizione che li rende simili a servi della gleba, equivale infine a miseria, rabbia, disperazione, malattie e morte precoce. Tutto quest’ultimo insieme di fattori, uniti alla pellagra che lentamente lo sta divorando nel corpo e nella mente, sono da tener in considerazione, per poter entrare e comprendere appieno la storia di Bianchet: il pisnente Pietro Bianchet. Nel termine pisnente (che in italiano equivale a pigionante) l’orecchio popolare, che scavalca le certezze etimologiche e attribuisce alle parole segni infallibili […] vi sentiva la forza tragica e irreversibile di un peggiorativo. Pisnente era peggio che niente, sotto il niente. Qualcosa che veniva ancora prima che si potesse parlare di scala sociale.[64] La misera condizione di Bianchet non è poi tanto differente da quella di molti contadini nella campagna veneta di inizio Novecento: ciò che nel momento del delitto lo distingue dagli altri, è la particolare situazione familiare con cui, da pochi giorni, deve fare i conti. Il movente del delitto è fornito al pisnente dalla vittima stessa. Poco tempo prima dell’omicidio, poiché il suo raccolto è stato distrutto dalla tempesta, Bianchet si rivolge con speranza alla contessa, facendole chiedere un po’ di foraggio, che gli viene negato. Pertanto nei primi giorni di marzo, benché al corrente del parto imminente della moglie, il pisnente (che rifiutando il lavoro teme di precludersi anche la possibilità di ottenere altri campi da coltivare) decide di andare ugualmente a Treviso, “ad opera”, nel parco di villa Onigo. È qui che il giorno 9 marzo apprende della nascita della sua secondogenita: tuttavia nelle ore trascorse lontano dalla famiglia la sua ansia per il parto della moglie, l’angoscia per la fame e la solitudine di lei erano diventate insostenibili. Bianchet aveva chiesto di essere esentato dal lavoro e di tornare a casa, aveva chiesto un po’ di grano per la polenta.[65] Ma gli sembra, ancora una volta, di aver parlato invano: l’unica scelta possibile per Bianchet impotente, esasperato, è troncare l’esistenza di colei che giorno dopo giorno, spietatamente, gli toglie la vita. Così la sua rabbia esplode definitiva nel pomeriggio dell’11 marzo, quando il ricordo della figlia (neonata e già affamata) e del resto della sua famiglia (costretta a vivere di stenti), scatena un istinto di vita che, in poche ore, si trasforma in morte. Bianchet agisce in preda al simiton cioè all’impulso irrefrenabile di atti estremi...
www.giandomenicomazzocato.it/sara-stocco/
Waldensi – misjonarze średniowiecznej Europy | Baptyści II Gdańsk
Autor: Jerzy Marcol Do napisania artykułu o waldensach zabierałem się kilkakrotnie. Gromadziłem teksty źródłowe, które miały dostarczyć mi stosownych informacji, ale kiedy odkryłem Historię Waldensów, 1 szkockiego historyka kościoła imieniem James Aitken Wylie (1808-1890), który odwiedził Piemont we Włoszech w latach 50-tych XIX wieku, postanowiłem, że zanim napiszę artykuł, muszę odwiedzić tę miejscowość, gdzie żyli i nadal żyją waldensi.
bapt.pl/nasze-korzenie/waldensi-misjonarze-sredniowiecznej-europy/
THE WALDENSES WERE INDEPENDENT BAPTISTS | Aurel Munteanu- blog
THE WALDENSES WERE INDEPENDENT BAPTISTS An Examination of the Doctrines of this Medieval Sect By Thomas Williamson 3131 S. Archer Avenue Chicago, Illinois 60608 TABLE OF CONTENTS INTRODUCTION CHAPTER ONE . . . . . . . . Mode of Baptism - Did the Waldenses Immerse? CHAPTER TWO . . . . . . .…
aurelmunteanu.wordpress.com/2010/02/17/the-waldenses-were-independent-baptists/
Gmina Nowinka » Blog Archive » Marianek
W celuloidzie bohaterowie monitorują wiele takich nieaktywowanych robotów natomiast jeden, już przygotowywany do misji infiltracyjnej. W elektrociepłowni nie było rozmrażalni – jej postawienie przewidywano już w roku 1962, ale w związku z lekkimi zimami Ministerstwo Gospodarki odwołało z tych planów.
www.fifi.bialystok.pl/marianek/
123